• Italiano
  • HOME FAQLOGIN
    Hai dimenticato la password? Clicca quiRegistrati
    • Home > Primitivo di Manduria DOC
    visualizza sulla mappa map

    Primitivo di Manduria DOC

    Uve (Archivio Retecamere)

    Il Primitivo di Manduria è un vino DOC (Denominazione di origine Controllata) di colore rosso, prodotto in provincia di Brindisi e Taranto.

    Si tratta di un vino da pasto reperibile anche nelle tipologie dolce naturale, liquoroso secco e liquoroso dolce naturale, adatte soprattutto per il dessert. La denominazione del vitigno indica la precocità di maturazione delle uve.

    Si abbina bene a carni grigliate, arrosti, formaggi stagionati e, nella versione Liquoroso dolce naturale e secco si accompagna bene a mandorle tostate e pasticceria secca.

    Bookmark and Share

    Contattiespandi/comprimi

    Marchio di tutela: Denominazione di Origine Controllata
    Presente nei comuni: Erchie (BR) - Oria (BR) - Torre Santa Susanna (BR) - Avetrana (TA) - Carosino (TA) - Faggiano (TA) - Fragagnano (TA) - Leporano (TA) - Lizzano (TA) - Manduria (TA) - Maruggio (TA) - Monteparano (TA) - Pulsano (TA) - Roccaforzata (TA) - San Giorgio Ionico (TA) - San Marzano di San Giuseppe (TA) - Sava (TA) - Torricella (TA)

    Caratteristicheespandi/comprimi

    Abbinamenti - Come si consuma:

    La tipologia di vini da pasto si abbina bene a piatti saporiti e strutturati quali salumi stagionati, primi con sughi robusti di carne, carni di maiale e agnello al forno o in umido, carni rosse e cacciagione, formaggi stagionati. Il Dolce naturale si sposa egregiamente a preparazioni dolci a pasta non lievitata e consistenti, crostate con confetture di frutti rossi, mostaccioli, formaggi fritti con miele e spezie, ciambelloni, amaretti. Il Liquoroso naturale si abbina a dolci più elaborati come torte con creme ricche, mentre il Liquoroso secco si sposa alla pasticceria da forno e tozzetti.


    Come si Riconosce:

    L’etichetta deve riportare, oltre alla menzione della Denominazione di Origine Controllata, anche tutte le altre indicazioni previste dalla legge: regione di provenienza; denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica di coltivazione; volume nominale del vino; nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; numero e codice imbottigliatore; nome dello Stato; indicazione del lotto; indicazioni ecologiche.


    Quando si Trova:

    Tutto l'anno


    Note:

    La tipologia da pasto si serve in calici ballon a temperatura di 18-20°C


    Approfondimentoespandi/comprimi

    Nella versione normale, il suo bel colore rosso tende al violaceo e all'arancione con l'invecchiamento. Olfattivamente leggero, distintivo e dal sapore gradevole, pieno, armonico, tende al vellutato con l'invecchiamento.

    Nella versione dolce ha colore rosso porpora molto intenso, con profumo persistente, fruttato, speziato, con sentori di confettura di prugna e ciliegie. Il sapore è dolce, molto caldo, morbido, poco fresco, altrettanto tannico e sapido, robusto di corpo, abbastanza equilibrato.

    Il Rosso ha gradazione minima di 14°C, mentre il Dolce naturale di 13° C, il Liquoroso secco di 16,5° C e il Liquoroso dolce naturale di 15°C.

    Fonti: A cura della redazione
    Data aggiornamento: 27/02/2014